Purificazione delle pietre

Come purificare e caricare un cristallo. Questo è un argomento un pò controverso per il fatto che ci sono diverse correnti di pensiero. Quì di seguito riporterò il modo che ritengo migliore e più usato.
Tutto parte dal presupposto di considerare una pietra come una “spugna energetica” ovvero in grado di trattenere ed emanare influssi a chi ne fà uso.
Appena comprata, una pietra, è carica di memorie che ha preso durante il suo percorso. Quindi per prima cosa bisogna “riazzerarla”. Lo faremo col sale grosso. Metteremo la nostra pietra all’interno di un ciotolino immersa nel sale grosso più naturale e grezzo possibile per 3-4 ore non di più. Il sale usato va buttato via e non utilizzato nemmeno per un’altra pietra. Questa purificazione và effettuato solo la prima volta in quanto questo metodo è molto forte e pesante da sopportare per la pietra ed in più il sale grosso è un forte corrosivo ed usarlo più volte potrebbe rovinarla.
A questo punto è buona cosa caricarla, ovvero ridarle quel brio che aveva appena estratta. Lo faremo appoggiando la nostra pietra sopra una drusa di ametista (pezzo piatto di ametista) per un minimo di 4-5 ore. L’ametista essendo un minerale che si porta con se la matrice è uno dei pochi che non va purificato in quanto emana di continuo influsso positivi e rigeneranti. Da ora in poi la nostra pietra non dovrà essere toccata da nessuno ne marito, moglie, amico, amica, figli, insomma da nessuno. Questo trattamento con l’ametista lo ripeteremo come minimo ogni mese (ciclo lunare) per ripurificare e ricaricare le nostra pietra.
Ora è pronta per essere indirizzata ovvero per consigliarle dove e con che cosa lavorare. Questo è un processo che serve principalmente a due cose: indirizzare la pietra ed aprire noi stessi agli influssi ed ai cambiamenti che la pietra porterà.
Per far ciò ci isoliamo per un pò in un ambiente tranquillo facciamo per un po’ qualcosa che può essere meditazione o rilassamento o qualsiasi pratica e non che ci riporti il più possibile a quella tranquillità interiore a cui tanto ambiamo, dopodiché, e questo è molto importante, chiediamo a voce alte e a cuore aperto senza fare assolutamente negazioni ciò che vogliamo dalla pietra.
A questo punto la pietra è purificata caricata ed indirizzata quindi pronta per essere utilizzata